#ilmiorifugio: Pian dell’Arma

Rifugio Pian dell’ArmaCaprauna

Le informazioni sono tratte dal libro “Rifugiarsi nella descrizione di un attimo – Alpi Liguri. Guida ai rifugi e ai bivacchi della provincia di Cuneo” acquistabile QUI.

[…] Un Rifugio come terra di confine, tra mare e montagna o tra maturità e adolescenza. Un Rifugio per divenire grandi, confrontandosi con le prime pareti verticali o per ritornare piccoli, meravigliandosi ancora per le vivaci peculiarità naturali che le Alpi del Mare da sempre custodiscono al loro interno. Di sicuro, un Rifugio da provare […].

Altitudine: 1350m di quota circa

Difficoltà: T

Tempo di percorrenza: 0h 15’ – 0h 20’ (il Rifugio di Pian dell’Arma è tuttavia raggiungibile anche con autoveicoli predisposti ad affrontare un terreno sterrato).

Dislivello: 100m

Informazioni: rifugio@leterrebianche.it; +39 337.1083410

Curiosità: chi ha potuto soggiornare in determinati periodi dell’anno nel Rifugio di Pian dell’Arma, avrà sicuramente notato un frequente utilizzo in cucina della rapa, ortaggio a prevalente consumo invernale di cui viene impiegata la radice carnosa dalla forma rotonda ed appiattita. Questo non a caso, dal momento che proprio la Rapa di Caprauna (Brassica rapa subsp. Rapa, dalla pasta bianco – gialla ed un sapore mediamente dolce, specie negli esemplari dalla colorazione gialla più evidente) è un Presidio Slow Food, istituito con l’intento di valorizzarne le indiscusse qualità organolettiche ed incrementarne la produzione, limitata ad ora ad appena centosessanta quintali all’anno raccolti tra i comuni di Alto e Caprauna.

Di grande rilevanza culturale e paesaggistica è poi la fisionomia di alcune coltivazioni, che sfruttano ancora i terrazzamenti retti da muri a secco realizzati nei secoli scorsi. Non necessitando di cure particolari, la rapa viene coltivata in secondo raccolto solitamente in successione alla patata o ai cereali. Può trovare infine, come già accennato, varie applicazioni in cucina, tra cui la zuppetta di gnocchi di Rape di Caprauna e le sue foglie con crema di zucca e trota.